Dividere l’indivisibile: i numeri irrazionali (parte 3)


Terminiamo con questo post la serie sull’irrazionalità di radice di 2. Abbiamo parlato della scoperta di Ippaso di Metaponto, il primo a capire che la diagonale del quadrato non può essere misurata in termini di frazioni della misura del lato. I due numeri si dicono, per questo, incommensurabili.

Nel post precedente abbiamo ricapitolato due importanti proprietà della decomposizione in numeri primi, che ci consentono di dimostrare agevolmente che la radice di 2 è un numero irrazionale:

– due numeri mutuamente primi non hanno fattori in comune
– il quadrato di un numero ha come decomposizione i fattori del numero stesso, ripetuti due volte.

Vogliamo  dimostrare che non esiste alcuna frazione, cioé coppia di numeri interi n ed m primi tra di loro, tali che il loro rapporto sia uguale a radice di 2, il che vale a dire che:

oppure, elevando al quadrato:

In questo post forniremo una dimostrazione non formale, ma che serve da esempio (se ne possono costruire molti altri) per sviluppare una visione “concreta” dei problemi relativi alla decomposizione in fattori: immaginiamo di collocare in un sacchetto i fattori che scompongono ciascun numero.

Sappiamo, per ipotesi, che n ed m sono primi tra di loro, cioé per ipotesi nella loro decomposizione nei sacchetti:

F(n) = {a1, a2, a3,  …}

F(m) = {b1, b2, b3, …}

non figura alcun numero comune primo. Vale a dire che è impossibile trovare lo stesso numero primo sia nel primo che nel secondo sacchetto.

Ora, per quanto detto la volta scorsa, sappiamo anche che n ed m al quadrato hanno gli stessi fattori ripetuti semplicemente due volte, e cioé:

F(n^2) = {a1, a1, a2, a2, a3, a3  …}

F(m^2) = {b1, b1, b2, b2, b3, b3, …}

Ma se i due numeri sono mutuamente primi per ipotesi, vuol dire che non hanno alcun fattore in comune in generale né, tantomeno, in particolare il fattore 2.  A maggior ragione, quindi, il fattore 2 non può apparire in entrambe i sacchetti in cui sono semplicemente stati collocati due volte gli stessi fattori.

E’ una dimostrazione qualitativa che indica le idee generali dietro alla dimostrazione più formale. In realtà, sappiamo che è vero un fatto ancor più restrittivo: il massimo comun divisore o MCD dei due numeri è 1, ovvero non è possibile reperire alcun sottoinsieme di numeri nei due sacchetti che abbiano lo stesso prodotto. Useremo questo fatto per fornire una dimostrazione formale basata sull’algoritmo di Euclide.

Ci torneremo su.

Segui LidiMatematici su Twitter !

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Teoria e Pratica e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Dividere l’indivisibile: i numeri irrazionali (parte 3)

  1. Pingback: Radice di 2 ed MCD: una dimostrazione per assurdo (parte 1) | LidiMatematici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...