Il potere del non voler conoscere: le scimmie in viaggio.


Abbiamo già condiviso, da Favole al telefono di Gianni Rodari, la storia di Giacomo di Cristallo e dell’incredibile potere della parola e della conoscenza. Sono generalmente molto diffidente rispetto alle fiabe che assegnano valenze morali agli animali, ma questa piccola storia incastona per benino nella realtà di allora e in quella di oggi quanto il non voler conoscere sia altrettanto potente, soprattutto se questa nolontà è instillata ad arte da chi ci governa per non essere messo in discussione da una conoscenza imparziale.

E non credo servano ulteriori commenti.

Le Scimmie in Viaggio

Un giorno le scimmie dello zoo decisero di fare un viaggio d’istruzione. Cammina, cammina, si fermarono e una domandò:
– Cosa si vede?
– La gabbia del leone, la vasca delle foche e la casa della giraffa.
– Come è grande il mondo, e come è istruttivo viaggiare.
Ripresero il cammino e si fermarono soltanto a mezzogiorno.
– Cosa si vede adesso?
– La casa della giraffa, la vasca delle foche e la gabbia del leone.
– Come è strano il mondo e come è istruttivo viaggiare.
Si rimisero in viaggio e si fermarono solo al tramonto del sole.
– Che c’è da vedere?
– La gabbia del leone, la casa della giraffa e la vasca delle foche.
– Come è noioso il mondo: si vedono sempre le stesse cose. E viaggiare non serve proprio a niente.
Per forza: viaggiavano, viaggiavano, ma non erano uscite dalla gabbia e non facevano che girare in tondo come i cavalli di una giostra.

Gianni Rodari


Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Redazionale e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...